MNEMOSCOPIO

Mnemoscopio (Mnemoscope) è un progetto di Emilio Vavarella curato e prodotto da Ramdom con il sostegno del MiBACT e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea“Nuove opere”. Il programma prevede la realizzazione e produzione di opere inedite.

L’opera s’interroga sulla questione della memoria collettiva realizzando una “cartografia dei ricordi” legati all’idea di casa partendo da coloro che sono partiti da Gagliano del Capo – luogo in cui Ramdom opera attivamente – per poi farvi ritorno.

Dopo aver lavorato per anni sul riaffiorare di memorie in Rete (MNEMOGRAFO, commissionato da Villa Manin), sul potenziale cartografico di memorie collettive di italiani emigrati a New York (MEMORYSCAPES, attualmente nella collezione della Fondazione Fabbri), sul peso delle proprie memorie di famiglia (The Sicilian Family), e sul ruolo che la memoria ha nello sviluppo di droni e intelligenze artificiali (MNEMODRONE), l’artista propone un nuovo progetto legato alla stratificazione mnemonica e cartografica.

Mnemoscopio (Mnemoscope) è un’opera site-specific che consiste in un dispositivo cartografico in cui la realtà fisica del luogo in cui l’opera è installata si sovrappone e si fonde con una mappa virtuale composta da mappe di tutti quei luoghi chiamati “casa”, nel corso di una intera vita, dagli intervistati. La cartografia che traduce visivamente questa stratificazione di tracce mnemoniche è resa visibile attraverso un apparecchio tecnologico di nuova ideazione: un apparato di “mixed realty” per la visione stereoscopica e l’esplorazione virtuale a 360° di uno spazio cartografico nuovo, prodotto intrecciando cartograficamente luoghi, memorie, e dimore presenti e passate.

BLOG