Mariagrazia Costantino

 

Sinologa, critica d’arte e di cinema. Mariagrazia ha una Laurea in Studi Orientali ottenuta presso l’Università La Sapienza di Roma, MA in Media e Cinema (SOAS, University of London) ed un Dottorato di Ricerca in Studi Cinematografici (Universià Roma Tre). Le sue ricerche si sono focalizzate sull’arte contemporanea, la musica e il cinema cinese a partire dal 2000. Scrive di arte e cinema dell’Asia Orientale; è co-autrice di “Arte Cinese Contemporanea” (Electa), la prima monografia sull’arte contemporanea cinese pubblicata in Italia. La sua tesi di dottorato, completata durante il periodo di ricerca presso SOAS, riguarda la rappresentazione ideologica degli spazi urbani nei film e video dell’Asia Orientale. Il suo approccio critico si appoggia su due aspetti fondamentali: da un lato, la contestualizzazione culturale e storica del lavoro, tramite l’investigazione dell’autore stesso, dall’altro, la cattura di un momento epifanico che si rivela attraverso il medium – la ‘ricalibrazione della realtà attraverso le lenti’, che Jean Epstein definì “photogénie”.

Attualmente vive e lavora a Shanghai come Direttore Artistico presso OCAT, OCT Contemporary Art Terminal. Contribuisce a Genda真的 magazine ed membro del board editoriale di East Asian Journal of Popular Culture (EAJPC).